Call for Papers in Italia e all’estero

Pubblichiamo in questa sezione call for papers su tematiche di genere in Italia e all'estero.

Mani sollevate a un evento pubblico

CFP: The Intersections of Economic Insecurity, Non-Standard Employment and Gender in Southern Europe

The Open Access Journal “Frontiers in Sociology” is accepting papers on the topic "The intersections of Economic Insecurity, Non-Standard Employment and Gender in Southern Europe”. This call aims at collecting contributions that explore the relation between non-standard work and economic insecurity using an intersectional framework. We are interested in contributions that explore Southern Europe in a comparative or single country perspective. We welcome all approaches - theoretical and empirical, substantive and methodological, micro and macro, qualitative and quantitative, as well as geographically specific research.

We welcome expression of interest at lara.maestripieri@gmail.com.

The abstract submission closes February 15th 2020.

Frontiers in Sociology is a newly-born project of the open access journal Frontiers, indexed in DOAJ and soon in Scopus.

Go to the website

CFP: International Research Conference Decent Care Work? Transnational Home Care Arrangements

May 27-29, 2020
Goethe University Frankfurt am Main/Germany

The ageing of industrialized societies in combination with the absence of an adequate (welfare) state response is engendering an alarming deficit in care work. This has paved the way for the commodification of care, formerly a typical case of feminized, reproductive work, carried out informally and unpaid within the family. This conference examines if and how a sea change concerning the commodification and formalization of elderly care work is gradually affecting the public understanding of decent work and decent care.

Four key areas will be addressed during the conference:
(1) Transnational Commodification, Marketization and Corporatization of Live-in Care
(2) Expectations, Contradictions and Social Inequalities in Transnational Home Care Arrangements
(3) Agency and (Self-) Organizing of Live-in Care Workers
(4) Regularization of Transnational Care Work.

Abstracts of 150 words are to be submitted through the ConfTool application at the following address: https://www.conftool.com/decent-care-work2020/ by Tuesday, December 31, 2019.

Go to the website

CFP: The Struggle against the Commercialization of Sexuality in Israel and the World

The Struggle against the Commercialization of Sexuality in Israel and the World: An interdisciplinary conference on the sex industry

March 16-17,  2020
Zefat Academic College, Israel

The conference will elaborate on the far reaching implications of the sex industry in the economic, political, gender, cultural, moral contexts. The meaning of prostitution, trafficking in women and pornography is the commodification of human beings and the preservation of gender hierarchy in society. The exploitation and the violence human beings is common to all the spheres of sex industry. Moreover, pornography is the most harmful because technology produces infinite prostituting scenes.

The conference will deal with these issues and other from divergent perspectives. Researchers from the sphere of social sciences, law, social work, education, health studies, media and art are invited to propose topics for presentations.

Please send until December 2 2019, to conf.march2020@zafat.ac.il, a paper's title, an abstract (up to 300 words) and a short bio (up to 70 words), stating your title, institutional affiliation, spheres of research and teaching. Responses will be sent by December 30.

 

 

CFP: Religion & Gender at the International Society for Religion, Literature and Culture conference 2020

The International Society for Religion, Literature and Culture
Chester
11-13 September 2020

Gender: Transmutations and Transgressions

Gender, feminist and women’s studies, and gender activism have always walked a tightrope between transformation, transmutation and transgression.  Attempts to transform existing structures and practices have often been dismissed – at least initially – as unacceptable transgressions, seeming to ignore the fact that transgression is often a precursor to change and transformation we come to embrace. This panel invites proposals that explicitly address the themes of the conference – transformations, transmutations, transgressions – across gender, religion, culture, theology, literature, and the arts. Potential themes include (but are not limited to):

  1. inequalities in the academy – race, gender, religion, sexuality class, ableism, age
  2. religion, gender, and activism
  3. the relationships between literature and the arts, and gender and
    religion
  4. religious feminisms and agency
  5. queer theory, religion, and the arts
  6. the body

Please send abstracts (around 300 words) for 20-minute presentations and queries to d.llewellyn@chester.ac.uk and a.e.jasper@stir.ac.uk no later than 1 December 2019. We also welcome alternative formats and suggestions for panels. Please do get in touch if you have any questions.

Go to the website

 

CFP: Genere e R-esistenze in Movimento: Soggettività, Azioni, Prospettive

Centro Studi Interdiscipinari di Genere
Convegno Nazionale 2020

Genere e R-esistenze in Movimento: Soggettività, Azioni, Prospettive

31 Gennaio – 1 Febbraio 2020
Università degli Studi di Trento

Il termine “genere” ricorre nel dibattito pubblico nazionale e internazionale. In particolare, negli ultimi anni si sono sollevate proteste e critiche da parte di vari soggetti e movimenti contro una presunta “ideologia del genere”, la cui pericolosità sociale risiederebbe nel porre in discussione la ‘naturalità’ dei ruoli e delle differenze tra donne e uomini, compromettendo così l’ordine divino e la riproduzione della specie (Kuhar e Paternotte, 2017; Verloo, 2018). Nel contesto delle profonde trasformazioni socio-politiche che hanno caratterizzato molti paesi del Nord e Sud
del mondo all’alba del XXI secolo ricorre un altro termine, resistenza, che si intende qui indagare come r-esistenza. È infatti sempre più necessario e urgente analizzare criticamente tanto le molteplici sfaccettature di soggetti, collettività e reti r-esistenti, quanto riflettere sul concetto stesso di r-esistenza, intersecando prospettive teoriche, culturali, sociologiche, filosofiche, giuridiche, economiche, politiche, scientifiche, psicologiche ed educative.
R-esistenza può essere intesa come una forma di opposizione o di contro-reazione a processi di cambiamento sociale che hanno messo in discussione l’ordine simbolico-culturale tradizionale e, con esso, gerarchie e ruoli di genere consolidati all’interno delle famiglie, del mondo del lavoro e della società più in generale.
R-esistenza indica anche l’insieme di pratiche di difesa messe in atto nei confronti di ideologie, teorie, politiche e regole lesive dei principi di inclusione, equità e pari opportunità, che limitano la libertà di scelta, di posizionamento e di orientamento di singole/i o di gruppi non conformi alle norme dominanti.
Gli studi di genere coniugano sapere scientifico e pratiche politiche in una prospettiva interdisciplinare e interculturale che ci incoraggia a riconoscere sia le differenze di genere, sia quelle emergenti dall’intreccio di genere, etnia, classe, orientamento sessuale, età, abilità, perché “solo all’interno di quell’interdipendenza di forze differenti, riconosciute e uguali, il potere di cercare nuovi modi di essere nel mondo diventa generativo, e con esso il coraggio e il sostegno per agire senza modelli prestabiliti” (Lorde, 1984). Nel contemporaneo scenario di contatto culturale tra differenze anche ‘estreme’ e di riflessione (non solo filosofica) sul “postumano” (Braidotti, 2013), gli studi di genere si offrono come teoria e pratica della complessità, e sono in costante
movimento, anche e soprattutto nella definizione di teorie e pratiche di r-esistenza.

Gli abstract, di non più di 500 parole, dovranno contenere: titolo, sessione tematica, indicazione della qualifica ed eventuale ente di afferenza dell’Autore e/o degli/delle Autori/trici. Questi dovranno essere inviati, entro il 21 ottobre 2019, in formato Word/Open Office (.doc, .docx, .odt) all’indirizzo mail csg.soc@unitn.it. Gli abstract saranno selezionati dal comitato scientifico-organizzatore.
La conferma dell’accettazione dei contributi sarà comunicata entro il 5 novembre 2019.
L'iscrizione al convegno dovrà essere confermata entro il 5 dicembre 2019.
I contributi selezionati dovranno essere elaborati in forma scritta (massimo 7.000 parole, bibliografia inclusa) e inviati entro il 6 gennaio 2020.
È prevista la pubblicazione di una selezione di contributi in un volume online. I paper selezionati per la pubblicazione saranno comunicati dopo il convegno.

CFP: Convegno di metà mandato della Sezione AIS “Studi di Genere”

Studi di genere e le nuove sfide del XXI secolo.
Forme familiari, relazioni intime, genitorialità

 27-28 Marzo 2020

 Università degli Studi di Perugia – Sede di Narni
Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione

La famiglia è l’ambito di vita associata in cui storicamente la differenza di genere appare “costitutiva” e talmente ovvia da non essere stata problematizzata per lungo tempo. Fino agli anni Settanta del Novecento la sociologia ha ritenuto matrimonio e filiazione i presupposti della formazione della famiglia, fondata sul legame eterosessuale tra donna e uomo che – in base a una rigida separazione dei ruoli – assumono e condividono responsabilità, lavori di cura, attività domestiche, genitorialità. L’irrompere del femminismo sulla scena sociale e culturale ha successivamente condotto alla femminilizzazione della famiglia alimentando l’idea di un “iperpotere” della moglie-madre. Dal “ripensamento femminista” della famiglia (Thorne, 1984) fino agli studi sulle “unthinkable families” (Zambrano, 2006), come quelle arcobaleno, la prospettiva sulla famiglia cambia nel tempo e con essa anche la lettura sul genere. Su queste differenze si innestano oggi, soprattutto nei paesi più progrediti, i mutamenti prodotti da processi di tipo sia demografico sia culturale. La diminuzione della nuzialità e della fecondità, la posticipazione dell’età di uscita dei giovani dalla famiglia di origine, con conseguente innalzamento dell’età per l’unione, con o senza matrimonio, insieme all’aumento delle separazioni e dei divorzi favoriscono l’emergere di un nuovo concetto di famiglia che la sociologia declina al plurale: le famiglie monogenitoriali, le convivenze, le famiglie LGBT, quelle ricostituite o allargate…

Le proposte di abstracts, in lingua italiana o inglese, dovranno essere della lunghezza minima di 400 e massima di 600 parole (bibliografia esclusa). Gli abstracts, selezionati dal Comitato Scientifico, saranno presentati in sessioni parallele sotto forma di relazioni orali o di poster, secondo il giudizio dei/delle referees. Ogni Autrice/Autore può presentare un solo abstract.

Gli abstracts dovranno essere inviati esclusivamente via e-mail alla cortese attenzione dei componenti del Comitato Organizzatore entro il giorno 11 Ottobre 2019 al seguente indirizzo di posta elettronica: genere@ais-sociologia.it

Per maggiori informazioni